Media partener - Avis Scarperia e San Piero a Sieve

Vai ai contenuti

Menu principale:

Avis Scarperia e San Piero a Sieve: “media & comunicazione”
Buon compleanno. Un anno di Newsletter riservata ai soci, ai volontari e ai donatori di Avis Scarperia e San Piero a Sieve (comunque è stata inviata anche a tutti coloro che hanno fatto richiesta solo per informazione, nella più completa trasparenza, ed è visibile a tutti, da un paio di mesi, sul nostro sito internet: www.avisscarperiasanpiero.it). Venticinque numeri pubblicati dal 30 luglio 2015 al 15 luglio 2016. Uno sforzo di comunicazione di cui andiamo fieri. Aggiornamenti quindicinali su tutta l'attività istituzionale e non. Insomma trasparenza allo stato puro, piccolo-grande tassello al fine di incrementare la “macchia d'olio della cultura del dono”. E' attivo dal 15 maggio 2016 anche il nostro il sito internet: www.avisscarperiasanpiero.it. Neanche a dirlo, lì troverete in tempo reale, tutte le “nostre notizie”. Uno strumento in più per comunicare con i soci, con i volontari e con i donatori di Avis Scarperia e San Piero a Sieve e con il “mondo”. Tutte queste novità in ambito della comunicazione porteranno anche dei cambiamenti sul sistema. Con oggi cessa ogni obsoleta divulgazione dei comunicati stampa verso giornali e periodici cartacei ed on-line. Nei giorni scorsi abbiamo anche stipulato accordi di Media Partnership, con reciproco scambio dei loghi/link e/o finestre web. Oltre che di contenuti. Questo al fine di ottimizzare le energie e il nostro tempo verso attività concrete in ambito della “cultura del dono” e non sprecarle con media-sordi (meno male che la maggioranza non lo sono e ci hanno permesso una costante crescita e visibilità). Ma sempre troppo poco, pillole in confronto all'utilità delle azioni profuse da Avis Scarperia e San Piero a Sieve sul territorio e non solo. Alcune volte siamo stati trattati con sufficienza o come se “ci avessero fatto un piacere”. Non capendo invece che “il piacere” lo hanno fatto a se stessi, alle loro famiglie, ai lettori, a tutta la collettività. Non solo a noi che facciamo volontariato consapevole. E che dedichiamo da anni ogni momento libero alla divulgazione della “cultura del dono” in ogni sua forma. Sempre e comunque con gioia e il sorriso sulle labbra e nel cuore.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu